L’Inghilterra dalle ali di cera di Euro 2021

Foto in copertina da: https://www.italian.tech/.

Non neghiamocelo, un Dio del calcio esiste, si manifesta raramente certo, è insito nel suo essere divino, ma opera in modo decisivo seppur imperscrutabile. È stato Lui, oltre all’Italia certo, a decretare che l’Inghilterra non poteva vincere il campionato europeo per nazioni. Italia – Inghilterra, finale di Euro 2021, doveva andare così.

La delusione di Marcus Rashford dopo il penalty. Foto da Italian.Tech

Se penso a com’è andata, mi viene in mente il mito di Dedalo e Icaro e di quelle ali che parevano salvezza e sono invece state condanna. L’Inghilterra ha infatti trovato in un paio d’ali il mezzo ideale per fiondarsi su Wembley, accompagnata da venti favorevoli dati: dal calendario; dal vantaggio di aver giocato solo una gara in trasferta ( a Roma, in occasione dei quarti ); da un rigore molto dubbio che le ha permesso di superare la Danimarca; da uno slogan, potente ma effimero: “It’s coming home”, che incorona, secondo logiche che sfuggono ai più, l’Inghilterra quale patria di quella coppa. Che non si fraintenda, ha meritato di essere in finale, ma nulla di più.

Annunci
La Coppa Henry Delaunay, trofei di Euro 2021. Foto da FanPage

È stato proprio sotto la spinta di questi fattori illusori e poco genuini che l’Inghilterra è apparsa temibile, in un grande e sanguinoso bluff, la più temibile. Siamo rimasti noi e loro a volare su Wembley ma mentre noi, dopo primi battiti d’ali complicati, cominciavamo a godere della passeggiata sul cielo, del panorama, delle emozioni, mentre “volavamo a mezza altezza per non inumidire, appesantendole, le ali e tenendoci a debita distanza dal sole”, l’Inghilterra sottovalutava i tiepidi raggi solari, con quelle ali saldate da nient’altro che cera, fragili che, come quelle indossate da Dedalo e Icaro per fuggire dal labirinto in cui era rinchiuso il Minotauro.

Foto da Dreamstime
Annunci

Decretata la sconfitta dagli undici metri, i tifosi inglesi hanno via via abbandonato lo stadio e boicottato la premiazione, rifiutando di riconoscere la vittoria degli avversari e di celebrare comunque lo straordinario percorso della squadra allenata da Gareth Southgate. L’Inghilterra, in caduta libera dopo il rigore decisivo parato da Donnarumma, è stata lasciata sola, letteralmente dimenticata dai propri tifosi, passata di moda come i tormentoni estivi alle prime giornate di settembre. Perdere è complicato, perdere da soli è triste.

La delusione sui volti dei giocatori inglesi. Foto da CheNews.it

In fondo, tutto questo porta quasi a pensare che in questa finale l’Italia abbia trionfato non tanto perché più forte dell’Inghilterra ma perché migliore ( in questo contesto e momento specifico ): mentre oltremanica lanciavano una assurda petizione per rigiocare la finale, Capitan Chiellini e compagni decidevano, all’unanimità, di devolvere l’intero premio in beneficenza: differenza di vedute. Va citata, nella deludente linea inglese, l’eccezione Southgate, un uomo composto e distinto, l’unico sottolineare quanto fosse importante NON fischiare l’inno italiano. Ahimè, immaginerete per quale scelta hanno optato i tifosi inglesi: altra pasta.

L’immagine dell’Inghilterra, come quella di un pallone rattoppato male, ne è uscita triste e malconcia e stupisce che una nazione dalle radici così profonde, così distinta, cosi multietnica, continui a non capire che, per imparare a vincere si deve saper perdere e bisogna sempre volare a mezza altezza, senza appesantire le proprie ali, volando sempre a debita distanza dal sole. Bisognerebbe ricordarlo, o meglio, insegnarlo agli amici inglesi: l’arroganza non vince mai, soprattutto quando vola su ali di cera.

Elaborazione in corso…
Grazie per esserti iscritto!

Pubblicato da Fabio Privitera

Arte, bellezza e comunicazione, tutto in questo blog parla di ciò. Iscriviti per ricevere notizie, video e immagini sul territorio siciliano e su vari aspetti della nostra vita che meritano un'attenta riflessione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: